EnChroma, arrivano gli occhiali per i daltonici

Riuscite ad immaginare una vita senza colori?

Nel mondo sono circa 300 milioni le persone affette da daltonismo, circa il 5-8% degli uomini e l’1% delle donne. Una malattia genetica che, a seconda della gravità, porta ad una mancata percezione dei colori o delle loro sfumature.

r

Il problema risiede nell’occhio, dove ognuno di noi possiede milioni di fotorecettori retinici chiamati coni e bastoncelli. I primi sono insensibili ai colori e pertanto sono coinvolti nella visione notturna, i secondi invece sono suddivisi in 3 gruppi a seconda del “colore” a cui sono sensibili: blu, verde o rosso.

Quando vengono stimolati tutti e tre i gruppi contemporaneamente abbiamo la percezione del bianco, mentre quando sono stimolati singolarmente o solo alcuni gruppi, abbiamo la percezione degli altri colori e delle loro sfumature.

In una persona daltonica uno di questi gruppi di coni è assente o funziona in mondo anomalo portando ad una diversa percezione dei colori.

o

Ma come risolvere questo problema?

A rispondere a questa domanda ci ha pensato Donald McPherson, co-fondatore di EnChroma, start-up americana specializzata nella produzione di occhiali in grado di far vedere i colori ai daltonici.

Con l’aiuto di ricercatori universitari, medici ed ingeneri, EnChroma ha sviluppato un modello computazionale per simulare la visione cromatica delle varie tipologie di daltonismo e su queste simulazioni ha testato delle lenti filtrate per testarne l’efficacia.

Il risultato sono lenti che filtrano alcune lunghezze d’onda dello spettro luminoso consentendo al paziente daltonico di avere una visione dei colori il più possibile vicino alla normalità.

Sul sito di EnChroma (clicca qui!) è possibile fare un test online per capire se si possiede qualche problema nella visione dei colori. Ovviamente non si tratta di una diagnosi medica!

Gli occhiali costano dai 350 ai 600 dollari, a seconda del tipo di montatura e, sebbene non siano una soluzione definitiva per alcuni tipi di daltonismo, sono sicuramente uno strumento efficacie per correggere questo difetto.

Forse ti interessa anche:


ISCRIVITI ALLA NOSTRA

NEWSLETTER!

Condividi su Email this to someoneShare on TumblrShare on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *