Quattromila chilometri per la felicità.

Spesso, si sa, un abbraccio vale più di mille parole

Quattromila chilometri con un pezzo di carta stretto in pugno e uno zainetto nero sulle spalle. Non è fantascienza, ma “solo” una bellissima storia di Natale.

Questa è la storia della piccola Jorr, salvata da un mercantile a sud di Lampedusa. Cinque lunghi mesi di viaggio, dal Gambia a Palermo, per poter riaprire quel foglietto e chiedere a qualcuno di chiamare il suo principe azzurro, il suo papà.

Un’impresa, questa, terminata  giovedì fra le braccia di suo padre, comparso all’improvviso a scuola, mentre Jorr giocava con i suoi compagni di classe. E poi un sorriso, gigantesco e meraviglioso, stampato sul viso.

Forse basta un sorriso a cancellare le sofferenze di un viaggio indimenticabile;

forse basta davvero un sorriso per far accadere qualcosa di bello.

Immagine

Condividi su Email this to someoneShare on TumblrShare on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *