#Leffepernorcia, una birra speciale per i monaci di Norcia

Oggi diamo voce al progetto #leffepernorcia. Un’iniziativa che arriva dal Belgio dall’idea di Leffe per sostenere i monaci di Norcia che, lo scorso 24 agosto e 26 ottobre, hanno subito diversi danni in seguito alle scosse di terremoto. Infatti per supportarli, Leffe ha deciso di lanciare sul mercato un’edizione speciale e limitata della propria birra Blonde.

“Distribuita solo in Italia, la limited edition è l’elemento centrale dell’iniziativa progettata dalla birra belga”, spiega la società. “Tutti i proventi della birreria generati dalla vendita delle bottiglie #leffepernorcia verranno donati ai benedettini per costruire una cappella in legno presso San Benedetto in Monte, località poco fuori dalle mura della città di Norcia. La cappella sarà una struttura antisismica accessibile a tutti i cittadini nursini e in cui i monaci potranno celebrare messa, accogliere i fedeli, dare conforto o semplicemente ascoltare chi è in difficoltà. Si tratta della prima fase di un progetto più ampio che porterà alla costruzione dell’abbazia definitiva.”

La solidarietà mostrata da Leffe nei confronti dei monaci di Norcia, risiede nella loro storia. Era infatti il 1240 quando un gruppo di monaci norbertini iniziò a produrre la famosa birra belga d’abbazia. Una tradizione che li ha resi vicini ai “colleghi” di Norcia, anch’essi piccoli produttori di una birra artigianale chiamata Nursia.

“Il legame tra noi benedettini e la cittadinanza è molto forte – ha aggiunto Padre Benedetto Nivakoff, Priore dell’Ordine dei monaci benedettini di Norcia. – “I nursini ci hanno visto per anni lavorare, giorno dopo giorno, in città per costruire insieme a loro la nostra vita monastica e la nostra quotidianità, anche per quel che riguarda la produzione di Birra Nursia. L’aiuto che ci arriva da Leffe nell’edificazione della cappella a San Benedetto in Monte è un passaggio importante, perché è segno di fiducia e speranza.”

Forse ti interessa anche:


ISCRIVITI ALLA NOSTRA

NEWSLETTER!

Condividi su Email this to someoneShare on TumblrShare on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *