ESAMI: breve guida di sopravvivenza!

La sessione estiva è arrivata, e non possiamo più ignorarla: tra maturità ed esami universitari, lo studio è ovunque. Le biblioteche sono piene, luoghi agognati più per la climatizzazione che per il principio di concentrazione; le macchinette del caffè si svuotano, e orde di studenti devastati circolano ormai nelle nostre strade. I computer sono accesi, il surriscaldamento globale si nutre delle sole ventole, che dai portatili lanciano rabbiose il loro grido di protesta. I genitori, preoccupati, vedono i loro figli trasformarsi in orde di zombi cerebralmente esausti, famelici e, nella maggior parte dei casi, nottambuli.

Ma non fatevi prendere dal panico: c’è una SOLUZIONE!! Ecco a voi la “Breve guida di sopravvivenza allo studio estivo”. Consigliatela ai vostri figli, ad amici, persino agli amici di amici.

REGOLA N°1: mai farsi prendere dal panico. Il panico è una specie animale molto diffusa, che si nutre di ansia e caffeina. Eliminatela, e metà del vostro percorso di studi sarà in discesa. Le metodologie maggiormente indicate per sbarazzarsene sono: lunghe camminate serali (quando le temperature si abbassano), telefonate (altrettanto lunghe) con amici e, per finire, le torte al cioccolato sembrano avere un FORTE effetto curativo.

REGOLA N° 2: mangiate sano. Lo so che può sembrare l’ennesima raccomandazione della mamma, ma non stiamo scherzando. La teglia di lasagne, i 200 grammi di pasta e le 3 bistecche di pranzo vi renderanno IMPOSSIBILE sostenere sessione pomeridiana di studio. Optate per insalatone, riso freddo, petti di pollo. LA vostra linea ringrazierà, ed i voti vi ricompenseranno.

REGOLA N°3: dormite, dormite, dormite. Un cervello stanco è un cervello inutile. Non ricorderete nulla, e le ORE passate sui libri non produrranno una sola conoscenza. Prendetevi il tempo necessario per riposare. E ditelo, all’amico secchione, che sotto studio perde 20kg ed altrettante ore di sonno: la scienza vi dà ragione!!!

REGOLA N°4: prendetevi le giuste pause. Uscite a far colazione con un amico, concedetevi un’ora di aperitivo (analcolico, eh!), portate fuori il cane o guardate un episodio su Netflix. Nemmeno voi riuscireste a sostenere una maratona di km senza nemmeno una piccola pausa; non chiedete quindi troppo alle vostre meningi!

REGOLA N°5: organizzatevi per tempo. Iniziare a studiare ANNI in anticipo non ha mai aiutato nessuno. Mentre per alcuni funziona la “corsa dell’ultima settimana” (la sottoscritta è abbondata al Circolo dell’Ultimo Minuto), ad altri serve innanzitutto conoscere i propri metodi di studio e le proprie tempistiche. Analizzateli e trovate la tabella di marcia che fa per voi.

ULTIMA REGOLA, MA NON MENO IMPORTANTE: divertitevi! E lo so che studio e divertimento vi parranno improbabili ma, vi assicuro, studiare è sapere. E sapere, in sostanza, è scoprire. Nessuna scoperta è mai stata noiosa, nessuna scoperta ha mai lasciato l’umanità cristallizzata sulle proprie posizioni. Cercate di prendere il meglio dai vostri esami, dalla vostra esperienza accademica. Crescete, imparate, informatevi anche al di là del semplice libro di testo. Diventerete persone straordinarie.

In bocca al lupo!

Forse ti interessa anche:


ISCRIVITI ALLA NOSTRA

NEWSLETTER!

Condividi su Email this to someoneShare on TumblrShare on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *