LEGAMBIENTE, salgono a 39 i comuni “100% rinnovabili”!

Secondo il rapporto “Comuni Rinnovabili 2016” pubblicato da Legambiente e realizzato grazie al contributo di Enel Green Power, salgono a 39 i comuni italiani “100% rinnovabili”. Un risultato stupefacente se consideriamo che in questi comuni le energie pulite soddisfano l’intera domanda riducendo le bollette a carico di cittadini e imprese.

Il dossier pubblicato da Legambiente indica i numeri che stanno dietro a questo successo e che descrivono il grande cambiamento che sta avvenendo in Italia. Basti pensare che in 10 anni la produzione di energia da fonti rinnovabili nei comuni è passata dal 15 al 35,5%, grazie ad un modello di produzione costituito da oltre 850mila impianti diffusi su tutto il territorio italiano.

g

In testa alla gara verso un mondo verde, ci sono il Comune di Val di Vizze (BZ) che, grazie a una sinergia fra cinque diversi sistemi di produzione di energia “verde”, è riuscito a raggiungere a diventare “100% rinnovabile” ed il piccolo comune di San Lorenzo Bellizzi che, grazie alla capacità di portare avanti progetti finalizzati alla riqualifica energetica di edifici esistenti e per la realizzazione di nuovi impianti da fonti rinnovabili integrati in strutture edilizie, si è aggiudicato il premio per la “Buona pratica”.

Ancora una volta l’Italia sta diventando sempre più indipendente dall’estero grazie agli investimenti nelle risorse rinnovabili come vento, sole e biomasse. Una scelta che non solo porterà benefici all’ambiente, ma soprattutto all’economia. Basti pensare che, secondo un rapporto di Eurobserver, sono circa 82mila i porti di lavoro creati grazie al settore “rinnovabile”.

c

Forse ti interessa anche:

  • Ecco come le auto elettriche metteranno KO l’industria petrolifera! (clicca qui!)
  • Ecco come l’America Latina metterà KO l’industria petrolifera e la deforestazione! (clicca qui!)

Condividi su Email this to someoneShare on TumblrShare on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *