Addio a Jonah Lomu, il gigante buono che ci ha insegnato la forza del sorriso.

Jonah Lomu ci ha fatto sognare, gioire, piangere. Con i suoi 196 centimetri di altezza e 118 chili di peso, se n’è andato il più grande rugbista della storia. Una potenza devastante, non solo nei muscoli ma anche nel cuore.

“Devi sempre cercare di restare positivo e sorridente”, diceva.

Affetto da una sindrome nefrotica, che nel 2004 lo portò ad eseguire un trapianto di rene, Jonah ha sempre affrontato la sua malattia con coraggio e sorriso. Nessun essere umano avrebbe potuto fermarlo dal lottare in campo così come nella vita.

“Questa malattia cerca di distruggerti poco alla volta. Ogni paziente che si sottopone a una dialisi è diverso, ma tutti sappiamo di non avere altra scelta. L’alternativa è una sola: devi stare su col morale.”

A soli 40 anni, Jonah lascia due figli di 5 e 6 anni e la moglie Nadene.

“Mio padre è scomparso che ero molto giovane. Non so quando potrebbe accadere a me. Spero solo che loro due crescano forti, in salute Non smetterò mai di ringraziare Nadene, che in realtà è come se si occupasse di tre bimbi.”

“Voglio insegnare a loro che non c’è niente di facile, in questa vita e che devi lavorare duro. Sempre. Non si devono arrendere, perché io non mi arrenderò. Mai

Condividi su Email this to someoneShare on TumblrShare on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *