La riscoperta della bellezza: San Maurizio al Monastero Maggiore.

Dopo trent’anni di lavori, i 4 mila metri quadrati di affreschi della chiesa di “San Maurizio al Monastero Maggiore”, a Milano, sono tornati al loro antico splendore.

L’inizio dei lavori di recupero risale al 1985, quando un anonimo benefattore fece la prima donazione. Tuttavia, solo dal ’97 i restauri ebbero una vera e propria continuità nel tempo grazie al supporto economico da parte di diverse fondazioni ed enti.

174037780-9204440a-6dda-4aa9-acb0-1d64f706fc9d

Gli affreschi presenti nella chiesa risalgono al Cinquecento e sono stati realizzati in buona parte da Bernardino Luini e dalla sua scuola. La loro particolarità sta nell’estensione della superficie dipinta.

“Nel 1985, quando iniziammo i lavori, la chiesa si trovava in uno stato di degrado assoluto. – ha commentato Paola Zanolini che ha guidato il recupero dei dipinti – L’operazione di pittura è stata di gran lunga la più difficile, perché le croste nere che coprivano i colori brillanti caratteristici della pittura lombarda del Cinquecento poggiavano su una pittura fragile. Altrettanto impegnativa è stata la bonifica dai Sali dovuti alle infiltrazioni di acqua”.

Oggi la chiesa di “San Maurizio al Monastero Maggiore” conta oltre 100 mila visitatori l’anno.

174037569-6fb685bc-f368-45aa-b6db-862eb0d37a72

Condividi su Email this to someoneShare on TumblrShare on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *