LibriAMO: Franz Kafka – Lettera al padre.

Tu sei, in fondo, un uomo benigno e mansueto […] ma non tutti i bambini hanno la perseveranza e l’intrepidezza di cercare la bontà finché la trovano.

Il rapporto genitore-figlio, l’adolescenza, lo scontro con le norme, le costrizioni sociali. L’eterno amore/odio, lo struggimento di un animo ribelle. Tutto questo si può trovare in “Lettera al padre“, lettera che Kafka scrisse nel 1919 e che venne poi pubblicata nel ’52.

Ho già accennato che con lo scrivere e con tutto quello a esso collegato ho compiuto piccoli tentativi di indipendenza, tentativi di fuga dal successo minimo, non mi porteranno molto avanti, molte cose me lo confermano. Tuttavia è mio dovere, o forse questa è proprio l’essenza della mia vita, vegliare su di essi, per non lasciare che si avvicinino loro pericoli da cui debba difendermi o anche solo la possibilità di tali pericoli. Il matrimonio è la possibilità di un tale pericolo

Ritrovare la propria ribellione adolescenziale nelle pagine di un libro, commuoversi per la durezza del trattamento riservato ad un allora giovane autore, capire in parte l’apprensione paterna, in un mondo pieno di pericoli ed incertezze. Per un qual verso molto attuale, “Lettera al padre” è uno di quei libri che, di sicuro, vorrei che i miei fligli leggessero. E, perchè no, potrei regalarne una copia anche ai miei genitori.

Ve lo consiglio di cuore!

kafka

Condividi su Email this to someoneShare on TumblrShare on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *