Inizia la rivoluzione digitale della scuola italiana.

È iniziata nell’ormai lontano settembre 2014 la lenta rivoluzione digitale del sistema scolastico italiano. Parole d’ordine: abbattere i costi!

Devo ammettere che essendo, come tutti voi, abituato alle fantomatiche amputazioni, più che tagli, alla cultura italiana, questa volta sono rimasto piacevolmente sorpreso.

Con l’ultima circolare inviata ieri dal Ministero dell’Istruzione a tutti gli istituti scolastici italiani, si è deciso che le scuole potranno (non “dovranno”) scegliere se adottare libri di testo o adottare strumenti alternativi come testi digitali o produzioni interne (sempre digitali). Tali produzioni saranno poi rese disponibili dal Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) agli altri istituti. Questo processo di riconversione del sistema scolastico italiano sarà facilitato anche grazie all’abrogazione del vincolo di tenere un libro per un intero quinquennio.

Infine, per la prima e terza superiore o prima media, laddove i consigli di classe decidessero di scegliere tutti libri di nuova adozione, è prevista una riduzione del tetto di spesa del 10% per libri misti (cartaceo – digitale) e del 30% per quelli solo in formato digitale.

More info: http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/ministero/cs090414bis

Vieni a trovarci anche su facebook e twitter: http://www.ilsorrisoquotidiano.it/contatti/

tumblr_ku7n55Yg9H1qa40qt

Condividi su Email this to someoneShare on TumblrShare on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *