La penisola che non c’è.

Sono sul treno e con me c’è Rusha. É indiana, di Calcutta per la precisione. Sta viaggiando con me; direzione Cremona, la città del violino, del torrone e del Torrazzo.

Trovo sorprendente, amici miei, come una piccola indiana uscita da non so quale manga abbia così tanto amore e così tanta passione per un Paese, l’Italia, che nemmeno noi italiani abbiamo.
Mi ha fatto, e non sto scherzando, una lista dei luoghi che vuole vedere. Sono 34, ne conosco 20.

Ve ne parlo perché credo, lettori e lettrici, che ognuno di noi debba imparare qualcosa da lei oggi.

Impariamo ad amare il nostro Paese, impariamo ad innamorarcene ogni volta con lo stesso trasporto.  Conosciamo le nostre città, troviamo i motivi che ci rendono orgogliosi di essere italiani, senza dover necessariamente collegarlo ad una partita di calcio.

TorrazzoConBandiera

Condividi su Email this to someoneShare on TumblrShare on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *