The cat is on the table.

The limits of my language mean the limits of my world.

Quanti di vuoi hanno mai pensato che l’unico vero modo per imparare la lingua, non sia semplicemente quello di studiarla a scuola, ma soprattutto parlarla? Magari con un madrelingua vostro coetaneo.

Al giorno d’oggi una delle più grandi barriere rimaste alla globalizzazione e, soprattutto, alle proprie prospettive professionali sono le lingue. Infatti, sono sempre di più le aziende che richiedono la buona padronanza di almeno una lingua estera (spesso una oltre quella inglese) selezionando i loro futuri dipendenti attraverso colloquio anche in lingua straniera.

Si chiama Fluentify la start up tutta italiana fondata da un gruppo di giovani: Giacomo Moiso (laureato in Economia), Andrea Passadori (master alla Escp business school), Claudio Bosco (web designer) e Matteo Avalle (sviluppatore) dedicata a chi vuole migliorare una lingua straniera (per ora solo inglese) mettendosi in contatto attraverso videochat con un tutor madrelingua.

I tutor, scelti dagli allievi in base agli interessi condivisi, sono determinati e preparati e hanno un approccio serio e professionale ma anche divertente. Fluentify non è un social network per fare nuove amicizie ma un portale che offre un servizio didattico serio ma non noioso e che consente realmente di imparare l’inglese.

549975_477898802265202_1548076806_n1

More info: https://www.fluentify.com/it-IT/

Condividi su Email this to someoneShare on TumblrShare on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *